frutta

Senza-titolo-1024-×-600-px-1.png

4 centrifughe per rimettersi in forma

 

 

Centrifuga energizzante con ciliegie, mela verde, ananas e lime è un concentrato

 

Centrifuga diuretica e disintossicante con ananas, pesca, pera e sedano

 

Dissetante con melone, cetriolo, menta e pera

 

Rinfrescante e depurativa con mela, ananas e sedano

 

 

Clicca per guardare il REEL


Senza-titolo-1024-×-600-px.png

6 frutti da preferire in caso di gonfiore addominale

 

 

kiwi, arancia, limone, mirtilli rossi, ananas, banana non troppo matura sono frutti ideali per chi soffre di gonfiore addominale. Sono ricchi di fibre vegetali e acqua, assorbono gli zuccheri, migliorano la digestione e il funzionamento intestinale.

 

Clicca per guardare il REEL

 


pancia-gonfia.png

6  FRUTTI DA LIMITARE SE SOFFRI DI GONFIORE ADDOMINALE

 

Il gonfiore addominale è un fastidio dovuto ad alcuni cibi che causano la formazione di gas.

La frutta è un alimento fondamentale per il nostro benessere, ma l’elevato contenuto di zuccheri e fibre possono provocare disagi intestinali e gonfiare la nostra pancia.

Se il fruttosio è eccessivo rispetto alla capacità dell’intestino ad assorbirlo oppure mancano i trasportatori (Glut 5 e 2) il fruttosio viene fermentato dalla flora batterica del colon e provoca gonfiore

 

 

Il gusto della mela è molto importante M𝒆𝒍𝒆, 𝒑𝒆𝒓𝒆, 𝒂𝒏𝒈𝒖𝒓𝒊𝒆 𝒆 𝒎𝒂𝒏𝒈𝒐 sono frutti ad elevato quantitativo di fruttosio, lo zucchero per eccellenza che provoca gonfiore addominale.

 

 

 

 

Composizione di molte varietà di pesche. pesche di frutta fresca.A𝒍𝒃𝒊𝒄𝒐𝒄𝒄𝒉𝒆, 𝒑𝒆𝒔𝒄𝒉𝒆 𝒐𝒍𝒕𝒓𝒆 𝒂 𝒔𝒖𝒄𝒄𝒉𝒊 𝒅𝒊 𝒇𝒓𝒖𝒕𝒕𝒂 𝒆 𝒂 𝒇𝒓𝒖𝒕𝒕𝒂 𝒅𝒊𝒔𝒊𝒅𝒓𝒂𝒕𝒂𝒕𝒂 contengono elevato quantitativo di polioli, zuccheri che causano gonfiore addominale se assunti in quantità eccessiva.

 

 

 

 

Clicca per guardare il Reel

 


banana-1.jpg

La banana ha conquistato un ruolo prestigioso sulla tavola della popolazione mondiale.

Dal punto di vista nutrizionale, la banana viene accorpata al VII gruppo fondamentale di alimenti – ortaggi e frutti ricchi di vitamina C.
Questa è costituita prevalentemente da acqua (75 %) e inoltre ha proprietà energetiche considerevoli e, in un regime dietetico ipocalorico, andrebbe consumata con moderazione.
La banana ha un contenuto vitaminico non particolarmente significativo se valutato in termini quantitativi, ma sicuramente variegato.
Il potassio è da considerare il minerale più importante. È per questo motivo che viene soventemente consigliata nella dieta di chi suda molto. Il ferro contenuto nella banana non è particolarmente utile in caso di anemia, perché scarsamente biodisponibile.

➡ CURIOSITA’: Il frutto, quando consumato fresco, può essere sfruttato per la produzione di marmellate e di succhi. Un altro modo per consumare il frutto è l’essiccazione.


jcr_content.jpg

Le more sono frutti che, più di altri, variano chimicamente con l’avanzamento della maturazione. Le more primizie, dal sapore acidulo, possiedono un valore energetico moderato mentre quelle colte in stagione avanzata e arida, dal sapore dolcissimo, contengono meno acqua e molto fruttosio.

⚠ Le more NON sono alimenti consigliabili a chi soffre di diverticolosi; esse contengono numerosi piccoli semi che, se rimanessero incastrati all’interno di un diverticolo, potrebbero infiammarlo o infettarlo provocando l’insorgenza di diverticolite.

Tuttavia, nonostante si rendano inadatte in tali circostanze, le more sono consigliabili all’alimentazione di chi soffre di stipsi grazie al buon contenuto in fibra alimentare.

Le more possiedono anche una caratteristica nutrizionale molto utile all’organismo, ovvero l’alta concentrazione di antiossidanti di tipo polifenolico: tannini (soprattutto nei semi) e antociani (anche nella polpa).


succhi-centriuga-frutta-verdura-Fotolia_138618495_Subscription_Monthly_M-1280x853.jpg

Oggi vi parlo della differenza tra la frutta fresca e i succhi di frutta ⬇

🍉FRUTTA FRESCA:
La frutta fresca intera e soprattutto con la buccia apporta:
👉🏻quantità elevatissime di acqua, sali minerali come potassio e magnesio, vitamina A e C, ma anche vitamina E, K e quelle del gruppo B.
👉🏻In questo periodo dell’anno preferite la frutta di colore arancio/rossastro in quanto ricca di β-carotene, un toccasana per la pelle esposta ai raggi solari.
👉🏻È ricca in Fibra alimentare.
👉🏻Ha un potere saziante maggiore, già la sola masticazione aiuta il senso di sazietà.

🧃I SUCCHI DI FRUTTA INDUSTRIALI:
👉🏻Non contengono Fibra
👉🏻Spesso vengono addizionati con zucchero (oltre a quello già presente nella frutta). Anche i succhi di frutta industriali s/z zuccheri aggiunti sono sottoposti a lavorazioni come trattamenti termici, aggiunta di conservanti ed aromi per renderli maggiormente palatabili.
👉🏻Sono meno ricchi in vitamine in quanto la lavorazione industriale riduce il contenuto di quelle più sensibili alle alte temperature, come la vitamina C ad esempio.
🛒 AL SUPERMERCATO dobbiamo saper scegliere, vi consiglio di scegliere prodotti con tali caratteristiche:
•Succhi Naturali e Senza Zuccheri Aggiunti.
• Con un’elevata % di frutta
• Privi di additivi ed aromi

👩🏻‍🍳 👨🏻‍🍳 PICCOLO CONSIGLIO PER VOI:
La frutta può essere consumata non solo come ‘fine pasto’ o ‘spezzafame’ ma può essere inclusa nel pasto, ad esempio, in un’insalata: il piatto sarà completo e ricco di gusto!


budinocachi-1280x1601.jpg

Ingredienti:

🔸2 cachi maturi;

🔸3 cucchiaini di cacao amaro;

🔸dietetic q.b.

 

Procedimento:

🔸Per prima cosa puliamo i cachi privandoli della pelle e in caso ci fossero anche dei semi all’interno ricavando cosi solo la polpa, versiamo la polpa ricavata nel frullatore, aggiungiamo il cacao setacciato e il dolcificante se decideste di utilizzarlo.

🔸Azioniamo il frullatore e frulliamo per una 20ina di secondi per far si che si formi una bella cremina omogenea.

🔸Trasferiamo la crema ricavata in 1 coppetta monoporzione e conserviamola in frigorifero per 1 oretta circa o fino a quando si saranno rassodati.

🔸Serviamoli con una spolverata leggera di cacao amaro ma solo se vi piace, altrimenti è perfetto anche senza


Caricando...