consigli

zucca-2.jpg

Cari pazienti del mio ♥️, quale periodo è migliore di questo per parlare della zucca 🎃?
ECCO UN PÒ DI INFO PER VOI ♥️

La zucca è ipocalorica, ricca di vitamina C e fa bene alla pelle. Infatti, viene utilizzato anche in cosmetica.
Povera di calorie, ma naturalmente ricca di fibre, la zucca è un ortaggio dalle qualità antiossidanti.

Ma la zucca non è solo protagonista di “dolcetti e scherzetti” 👻: le proprietà del frutto per eccellenza della famiglia delle Cucurbitaceae sono davvero tante e, sebbene i benefici della zucca sulla colesterolemia non siano del tutto provati, il buon contenuto di antiossidanti ne fa un alleato indiscusso per il cuore.

La zucca è un alimento povero a livello calorico (soltanto 18 kcal per 100 grammi) ma molto nutriente, con una spiccata azione diuretica e calmante.
Tanti i suoi benefici e vantaggi, come:
✔ È ricchissima di acqua
✔ Contiene tanto carotene
✔ Aiuta a ridurre il colesterolo
✔ Oltre alla vitamina A, la zucca contiene anche le vitamine C e B1
✔ Proprietà diuretiche e calmanti


cachi.jpg

Parliamo di 𝘾𝘼𝘾𝙃𝙄

➡ Gli effetti regolatori sull’intestino sono i più conosciuti, ma i cachi in realtà sono i frutti perfetti anche per i bambini, gli sportivi, gli astenici, poiché hanno straordinarie capacità energizzanti, dovute principalmente agli zuccheri che contengono.

🔵 Il caco è uno dei frutti più apprezzati di questa stagione autunnale insieme al melograno.
🟢 Se l’astenia è dovuta a problemi connessi con la funzionalità epatica, il caco è un’ottima soluzione; contro la stipsi il frutto maturo è consigliato a colazione, privato di semi e buccia. Gli effetti diuretici sono dovuti all’alta percentuale contenuta di potassio, quelli lassativi sono anche conseguenza della discreta quantità di fibre.


biscotti-dolci-salati1-e1635146062719-1280x841.jpg

Una domanda che mi fate spesso è sulla tipologia di 𝑩𝑰𝑺𝑪𝑶𝑻𝑻𝑰 da preferire ⬇
Oggi vi chiarisco un po’ le idee 🥰

Ma i biscotti fanno bene o male? Possiamo concederci questo sfizio oppure sarebbe meglio evitare di mangiarli, per mantenere la nostra linea?
Ecco tutto ciò che dovete sapere prima di acquistare una confezione al supermercato

I biscotti, tanto amati da grandi e piccini, non sono tutti uguali dal punto di vista nutrizionale. Questi dolcetti si possono dividere in quattro macrocategorie:
➡ Biscotti secchi (generalmente più leggeri)
➡ Frollini (fatti con l’uovo)
➡ Integrali (con fibre)
➡ Light (senza un ingrediente specifico)
Quasi tutte le tipologie contengono principalmente carboidrati e grassi.

🟢 Possiamo affermare che i biscotti si possono considerare come un dolce versatile, nel senso che possono influire sulla nostra linea quando esageriamo con le quantità.
⚠ La porzione consigliata per un adulto, in generale, è di 30 g, ma non tutti i biscotti sono uguali. Per esempio, 30 g di biscotti al cioccolato possono corrispondere a due pezzetti e mezzo, e fino a dieci dei biscotti secchi semplici. 30 g di frollini possono corrispondere, invece, a quattro biscotti in totale.

🟡 Gli integrali sono utili se hai bisogno di integrare della fibra, anche se non tutti i biscotti che si trovano al supermercato hanno una stessa percentuale di fibre.
🟡 Se biscotti senza zuccheri, non ottieni un risparmio calorico così significativo – dunque non si possono considerare come più sani degli altri.
🟡 I secchi sono quelli meno calorici di tutti. I frollini, invece, sono più o meno calorici in base agli ingredienti che si aggiungono (quelli al cioccolato hanno più calorie di quelli con la frutta secca).

✔ In generale, preferire biscotti con meno zuccheri, meno sale e meno grassi saturi.

Ricordatevi (come vi dico sempre) che se avete il desiderio di mangiare qualcosa, non dovete reprimervi, Semplicemente non dovete ESAGERARE ❗♥️


succhi-centriuga-frutta-verdura-Fotolia_138618495_Subscription_Monthly_M-1280x853.jpg

Oggi vi parlo della differenza tra la frutta fresca e i succhi di frutta ⬇

🍉FRUTTA FRESCA:
La frutta fresca intera e soprattutto con la buccia apporta:
👉🏻quantità elevatissime di acqua, sali minerali come potassio e magnesio, vitamina A e C, ma anche vitamina E, K e quelle del gruppo B.
👉🏻In questo periodo dell’anno preferite la frutta di colore arancio/rossastro in quanto ricca di β-carotene, un toccasana per la pelle esposta ai raggi solari.
👉🏻È ricca in Fibra alimentare.
👉🏻Ha un potere saziante maggiore, già la sola masticazione aiuta il senso di sazietà.

🧃I SUCCHI DI FRUTTA INDUSTRIALI:
👉🏻Non contengono Fibra
👉🏻Spesso vengono addizionati con zucchero (oltre a quello già presente nella frutta). Anche i succhi di frutta industriali s/z zuccheri aggiunti sono sottoposti a lavorazioni come trattamenti termici, aggiunta di conservanti ed aromi per renderli maggiormente palatabili.
👉🏻Sono meno ricchi in vitamine in quanto la lavorazione industriale riduce il contenuto di quelle più sensibili alle alte temperature, come la vitamina C ad esempio.
🛒 AL SUPERMERCATO dobbiamo saper scegliere, vi consiglio di scegliere prodotti con tali caratteristiche:
•Succhi Naturali e Senza Zuccheri Aggiunti.
• Con un’elevata % di frutta
• Privi di additivi ed aromi

👩🏻‍🍳 👨🏻‍🍳 PICCOLO CONSIGLIO PER VOI:
La frutta può essere consumata non solo come ‘fine pasto’ o ‘spezzafame’ ma può essere inclusa nel pasto, ad esempio, in un’insalata: il piatto sarà completo e ricco di gusto!


WhatsApp-Image-2021-10-13-at-14.11.37-1-e1635145421783-1280x710.jpeg

Scopriamo insieme diverse tipologie di “pane”. 🍞
A seconda degli ingredienti, tipo di farina, lievito, miscele di cereali, lavorazioni e condimenti aggiunti si possono avere tipi di pane diversi:
➡ Pane comune: è a base di farina più o meno raffinata e di lievito di birra, con o senza sale ma privo di altri ingredienti. Si tratta del più economico, venduto in panini da circa 50-60 grammi ciascuno. Il pane tipo 00 ha 289 calorie/ 100 grammi;
➡ Integrale o “scuro”: prodotto in diverse pezzature, può essere di sola farina completa (con crusca) o mescolata con quella bianca ed è a lievitazione acida. Il vero pane “scuro” è quello realizzato con farina o semola “integrale” completa, non con un mix di “farina di grano con crusca”. Il pane integrale ha 224 kcal/ 100 g;
➡ Cereali: composto da una miscela di vari cereali -farro, kamut, segale per cui prende il nome da quello prevalente in termini di quantità, ad esempio “pane di farro”. Il pane di segale ha 219 kcal/ 100 g; il pane di farro ha 211 kcal/ 100 g; il pane di kamut ha 359 Kcal/100 g. I cereali sono particolarmente indicati per l’assunzione di ferro, soprattutto a colazione;
➡ Pane di segale: occorre sottolineare che di calorie ne apporta 239 per ogni 100 grammi di prodotto, meno del pane “tradizionale”. Il pane di segale nella dieta è adatto per il basso contenuto di grassi, poiché 100 grammi forniscono solo 3,3 grammi di grassi.
➡ Wasa fit: una fetta di Wasa è a base di farina di segale integrale, farina di segale, lievito, sale, e il suo apporto calorico sfiora le 40kcal.-


anacardi-tostati-salati_Tavola-disegno-1-1280x1280.jpg

Parliamo di ANACARDI 🥜

Le proprietà nutritive della frutta secca si dimostrano utili anche per integrare la dieta bilanciata dei bambini.

➡ Quando non c’è un’allergia conclamata o il rischio di ereditarietà della stessa, la frutta secca può essere somministrata anche ai bimbi più piccoli.

➡ A partire dal primo anno di età del bambino, la frutta secca e disidratata può essere usata come ingrediente per la preparazione di dolci e piatti in genere, tritata o sminuzzata molto finemente.

➡ Prima dei 3-4 anni, la somministrazione ai bambini della frutta secca intera o in pezzi viene sconsigliata. Le piccole dimensioni della frutta secca, infatti, ne favoriscono l’inalazione accidentale o la possibilità di essere inghiottita senza un’adeguata masticazione, causando spiacevoli casi di soffocamento.
Gli anacardi possono diventare i protagonisti della merenda dei bambini. Consumati interi o tritati grossolanamente, diventano sfiziosi ingredienti utili ad arricchire gli impasti delle torte e dei biscotti fatti in casa.


mangiare-pasta-fa-ingrassare-1280x720-1.jpg

Ciao pazienti del mio cuore ❤

Oggi risponderò ad una domanda molto gettonata: SI PUO MANGIARE LA PASTA A DIETA❓
Ebbene si, qui sotto troverete la risposta al vostro dilemma 🥳

🟢 Da tempo ormai il mondo scientifico ha rivaluto la pasta, indicata nel passato come un alimento sicuramente gustoso, ma troppo ricco di calorie e carboidrati.
In realtà è ormai chiaro a tutti che la pasta, soprattutto se di qualità, è un alimento sano. Tra l’altro ne esistono di diversi tipi: da quella tradizionale a quella integrale, passando per quelle a base di farine proteiche, come quelle “fatte” con i legumi.

➡ Il pensiero diffuso che la pasta faccia ingrassare è un “mito” da sfatare. Una porzione di 100 grammi di pasta secca contiene circa 350 calorie. Se si tratta di pasta fresca le calorie scendono all’incirca a 130, ma la porzione è più abbondante.

🍝 Che il primo piatto preferito dagli italiani possa far parte di un regime alimentare salutare lo dicono da sempre tutti i nutrizionisti. La pasta ha un indice glicemico medio-alto, ma non è tra i cibi da eliminare per questioni di induzione di iperglicemia rapida, soprattutto quella integrale. Alza la glicemia nel sangue molto meno del pane bianco o di un gelato ricco di zuccheri semplici.

Una scelta più corretta è quella di mangiare pasta integrale. Fatelo almeno quando siete a casa vostra. La pasta bianca potrete sempre gustarla al ristorante o a casa di amici. La versione integrale infatti rallenta l’assimilazione di zuccheri e grassi, dà un maggior senso di sazietà, contiene vitamine e sali minerali. Inoltre, contiene fino a 5 volte più fibre della pasta bianca e proteine in maggior quantità.
⚠Attenzione però se soffrite di coliti e della sindrome dell’intestino irritabile.


1200px-Patate_juta.jpg

Per il primo appuntamento della rubrica #menochilipiùsorrisi di “Parliamo di:”, vediamo tutti i benefici dell’assunzione di PATATE

Le patate sono prodotti che rientrano nel III gruppo fondamentale degli alimenti. Ricchi di amido, questi tuberi hanno tuttavia meno calore rispetto ai cereali e ai loro derivati.

 

➡ Si tratta di una verdura di stagione a settembre, ma diffusa anche nel resto dell’anno, molto apprezzata per il gusto e la versatilità, oltre che per le proprietà.

➡ Le patate hanno un elevato contenuto di acqua, e di fibra.

➡ Le proteine non sono molto abbondanti, ma risultano di elevata qualità biologica, circa al pari di quelle delle uova. I grassi sono quasi assenti e si tratta, comunque, di quelli polinsaturi, quindi buoni, mentre, come per tutti gli alimenti di origine vegetale, non c’è colesterolo

➡ l contenuto di carboidrati (in particolare amido) è elevato, motivo per cui le patate sono spesso considerate al pari degli alimenti a maggior contenuto di zuccheri complessi, ovvero i cereali.

➡ Grazie al buon contenuto di fibra, la patata è in grado di ridurre l’assorbimento di grassi, zuccheri e colesterolo, stimolando al contempo l’attività intestinale e svolgendo un notevole effetto saziante.

➡ Il contenuto di vitamina C, fa della patata un importante alleato per la salute della pelle, dei muscoli e delle ossa.


Caricando...