curiosità

cocco.jpg

Arriva l’estate e con se porta uno dei frutti più attesi di questa stagione, il cocco!

I questo articolo parleremo del cocco in tutto il suo complesso e non solo quella gustosa polpa bianca che deliziamo nelle afose giornate di estate ma anche della sua palma da dove proviene. Ricordatevi che del cocco non si butta niente, neanche la parte che non è commestibile: le foglie vengono utilizzate per creare cesti, cappelli o coperture per tetti; dai fiori si ottiene una bevanda alcolica tipica dei paesi tropicali. Inoltre dalla palma di cocco si estrae anche uno zucchero con basso indice glicemico dal lieve sapore caramellato.

Per quanto riguarda il frutto, il cocco è molto ricco di potassio e di minerali, tra cui: zinco, ferro, rame, fosforo e magnesio. Aiuta a depurare l’organismo e grazie al suo acido laurico, contenuto anche nel latte materno, favorisce lo sviluppo del cervello: in alcuni paesi tropicali, infatti, il latte di cocco viene impiegato come bevanda alternativa al latte per nutrire i neonati.

Fate attenzione! Il latte di cocco e l’acqua di noce di cocco non sono la stessa cosa: il latte si ottiene spremendo la polpa che viene aggiunta ad acqua e poi filtrata, mentre l’acqua è quel liquido presente solo all’interno delle noci di cocco fresche.

Anche l’acqua di noce di cocco è utile per il nostro organismo, infatti berla aiuta a mantenere in salute il nostro sistema immunitario ed ha effetti benefici anche sul nostro sistema nervoso.

 


Caricando...