caffè

Progetto-senza-titolo-3.png

SAPEVI CHE IL CAFFE’ HA I SUOI PRO, MA ANCHE I SUOI CONTRO?

 

Tra le molte componenti nutrizionali del caffè, la più nota e studiata è senza dubbio la caffeina, poiché dotata di proprietà importanti, come:
  • l’effetto stimolatorio sulla secrezione gastrica e su quella biliare (ecco perché si ritiene che un caffè a fine pasto faciliti la digestione);
  • l’effetto tonico e stimolatorio sulla funzionalità cardiaca e nervosa (ecco perché molte persone ne apprezzano l’effetto energetico, utile tra l’altro per non abbioccarsi in seguito ad un lauto pasto);
  • l’effetto lipolitico, cioè favorente il dimagrimento (la caffeina stimola l’utilizzo dei grassi a scopo energetico e la termogenesi, aumentando la quantità di calorie bruciate dalla “macchina uomo”);

 

  • l’effetto anoressizzante (il caffè assunto in dosi massicce diminuisce l’appetito).
    NB: Un consumo elevato di caffè, espone l’organismo a diversi rischi:
  • quando è eccessivo, l’effetto stimolatorio sulla secrezione gastrica può causare danni al sistema digerente – per via dell’elevata acidità dei succhi riversati nello stomaco
  • l’effetto tonico e stimolatorio sulla funzionalità cardiaca e nervosa, può rivelarsi dannoso per persone che soffrono di insonnia, vampate di calore ed ipertensione; all’aumentare della dose la caffeina determina tachicardia, sbalzi pressori e tremori anche nelle persone sane;
  •  l’effetto lipolitico, cioè favorente il dimagrimento, è annullato e addirittura ribaltato se al caffè viene aggiunto dello zucchero (+ 20 calorie a cucchiaino) o del latte (+ 10 calorie se il caffè è macchiato);
  •  l’effetto inibitorio sull’assorbimento di calcio e ferro può favorire l’instaurarsi di quadri anemici ed osteoporotici.

 

Clicca per guardare il REEL

 

 

 


crema-caffè-oriz1-1280x853.jpg

📍INGREDIENTI ( per due persone):

130 GR di ricotta vaccina
1 cucchiaio di zucchero al velo di canna
1 tazzina di caffè amaro ristretto
2 cucchiai di latte scremato oppure 2 cucchiai di latte condensato
Cacao amaro in polvere e chicchi di caffè o fondente per guarnire

📍PROCEDIMENTO:

Iniziamo preparando il caffè e facendolo raffreddare bene.

Prendete poi un contenitore lungo e stretto e versatevi dentro la ricotta da frigo, con lo zucchero al velo e il latte*. Iniziate a montare con la frusta elettrica alla massima velocità fino ad ottenere un composto cremoso.

Versatevi ora il caffè a temperatura ambiente e rimontate ancora qualche minuto.

Servite in bicchieri che preferite, copriteli con stagnola e via in frigo tutta la notte (o almeno 3 ore).

Il giorno dopo tirate fuori dal frigo quando intendete consumare e decorate con il cacao e il fondente o i chicchi di caffè.


colazione-al-bar.jpg

La solita colazione al bar non è tra le più indicate per chi vorrebbe perdere peso, dato che croissant, latte e caffè, se uniti in una colazione abbondante andrebbero a superare le calorie ideali di una colazione salutare.

Come è possibile allora, non rinunciare alla tanto amata colazione al bar? Per quanto riguarda il buon croissant le miglior opzioni sono sceglierne uno vuoto, mignon o integrale senza miele, per massimo un paio di volte a settimana, i restanti giorni si dovrebbe preferire la colazione casalinga. Latte e caffè non sono un problema, però purtroppo al bar si usa frequentemente il latte intero, che pur escludendo lo zucchero, si andrebbero ad assumere troppe calorie. Una buona prassi è quella di sostituire ogni tanto il latte con lo yogurt bianco, alimento che si trova facilmente nei bar e che, oltre a mantenerti in forma, può aiutare a mantenere in salute la flora batterica intestinale.


cremacaffe.jpg

Ingredienti (per due tazzine):

🔸75 ml di acqua frizzante fredda;

🔸Dolcificante;

🔸1 cucchiaio e mezzo di caffè solubile senza zuccheri

facoltativo:

🔸Guarnisci con Nutella #menochilipiùsorrisi e cocco rapè.

 

Procedimento:

In un frullatore inserire in ordine il caffè solubile, dolcificante e per ultimo l’acqua frizzante fredda. L’acqua è l’elemento principale di questa ricetta, per far si che la crema esca deve essere il più fredda possibile, consigliato tenerla almeno 5 ore in frigo o 1 ora in freezer, l’ importante è che non si ghiacci. Frullare tutto per 5 minuti fino ad ottenere un crema. Una volta giunti a questo punto è possibile consumarla in 3 modi: consumarla subito, lasciarla in freezer dai 5 ai 10 minuti per renderla più consistente, oppure prolungare la sua permanenza fino a 2 ore in più ottenendo una consistenza simile al gelato, ma in questo caso dovremo frullare di nuovo il nostro composto prima di servirlo. Ottimo da conservare in freezer per avere a disposizione un dolce fit pronto in 2 minuti!


Caricando...